Brandacujun

Anteprima-Brandacujun-600x189

Baccalà e stoccafisso sono due capisaldi della cucina ligure, questo si sa. Ma in realtà sono un po’ comuni a molte cucine, italiane e non, tanto che capita che venga contesa la paternita’ di qualche piatto. Uno di questi piatti è la “Brandade di stoccafisso” o “brandade de morue”, per dirla alla francese, appunto di presunta origine provenzale. Presunta perche’ in Liguria, nel ponente per la precisione, lo stesso piatto esiste da tempi lontani e prende il nome più prosaico di “Stoccafisso alla Brandacujun”, dove:

branda deriva da “brandare” ossia scuotere e cujun da “mescolare”.

Ai tempi il membro della famiglia che aveva meno abilita’ veniva incaricato di mescolare lo stoccafisso nella pentola durante la sua “lunga” cottura.

Ma lo stoccafisso mantecato con il latte si trova anche in Veneto e in Portogallo, pur con qualche differenza.

Tutti si proclamano inventori della ricetta.

====================================================================

Ingredienti:

1 chilo di stoccafisso bagnato

1 chilo di patate pelate

1 bicchiere di olio

1 spicchio piccolo di aglio

pinoli tostati

1 limone

latte, sale, pepe e noce moscata q.b.

Preparazione:

Mettete le patate con la buccia in una pentola d’acqua e portate ad ebollizione, facendo cuocere finche’ non saranno ben cotte. Nel frattempo private il baccala’ della pella e delle eventuali lische, tagliatelo grossolanamente a pezzetti e fatelo cuocere in una padella con olio evo e uno spicchio d’aglio per circa 10min e comunque continuare la cottura fino a che il pesce non completa la cottura.

Mentre le patate si raffreddano, tostate i pinoli in padella di modo che sprigionino i loro aromi. Una volta “raffreddate” le patate, sbucciatele e assemblatele in una terrina con il pesce e il latte e i pinoli. Tritate finemente l’aglio e aggiungetelo al composto. Passate il tutto con un mixer aggiungendo a filo l’olio rimasto, oppure (e sarebbe meglio!) schiacciate il tutto con la forchetta.

Servite il tutto con delle fette di pane tostato magari spennellato con un pochino di olio evo e passato in forno a 180gradi. E perche’ no anche che delle meravigliose olive taggiasche.

Enjoy!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...