Bocconcini di pollo all’arancia e rosmarino aromatizzati alla liquirizia

liquerizia

Da sempre la liquirizia ha costituito per la Calabria una potenziale ricchezza, ma soltanto con l’intervento del Duca di Corigliano, che impiantò la prima fabbrica del genere (1715), agli albori dell’industrializzazione, essa divenne una fonte reale di progresso economico.

Altre aziende sorsero sempre nel 1700 e sempre nella Sibaritide, ad opera di nobili e ricche famiglie: Amarelli (1731), Abenante (divenuta poi Martucci nel 1808) e Labonia nel territorio del comune di Rossano e Castriota-Scanderbeg (divenuta poi Solazzi) in quello di Corigliano.

Continua a leggere

Annunci

Novembre 2014

fave DSCN4808

 

Fave dei Morti

Ingredienti e procedimento:

  • 200 g di mandorle dolci tritate
  • 100 g di farina bianca tipo 00
  • 100 g di zucchero o zucchero a velo
  • 2 albumi
  • scorza di limone o di arancia grattugiata

Per prima cosa si mescola la farina con le mandorle tritate, fino ad ottenere un composto omogeneo, poi si uniscono lo zucchero e i due albumi e si continua ad impastare, se necessario si può aggiungere un goccino di grappa o di brandy per rendere il composto più morbido. Infine si unisce la scorza del limone o dell’arancia per aromatizzare e si formano delle piccole palle di impasto che andranno un po’ schiacciate come a formare delle fave. Si mettono su una teglia e si cuociono in forno a 170°C per 20 minuti. Una volta tolte si lasciano riposare coperte da un telo. Prima di servirle si possono spolverare di zucchero a velo o di cacao.

Enjoy!

n.b.

foto trovata su internet tramite google!